09 Aprile, 2020
A- A A+

La Parola

Preghiera:
la parola e le parole    

 

Innamorarsi

 

Maria stava all’esterno, vicino al sepolcro, e piangeva… “Donna, perché piangi?”.
Rispose loro: “Hanno portato via il mio Signore e non so dove l’hanno posto”
(Gv 20,11a.13).

Gli azzimi sono pani non lievitati che, nel richiamo di san Paolo, vogliono indicare due cose: la novità di vita e la rapidità con cui vanno prese certe decisioni.        
Chi sono, allora, gli interlocutori di questo mio messaggio pasquale?        
Per un verso, tutti coloro che non hanno il coraggio di cambiare. Che non sanno staccarsi dal modulo. I prigionieri dello schema. I nostalgici del passato.
I cultori della ripetizione. I refrattari al fascino della novità.
I professionisti dello
status quo.        
Per un altro verso, coloro che sono lenti nelle scelte. Gli specialisti della perplessità. I contabili pedanti dei pro e dei contro. I calcolatori guardinghi fino allo spasimo prima di muoversi. Gli irresoluti fino alla paranoia prima di prendere una decisione. Gli ossessionati dal dubbio, perennemente incerti semettersi in cammino.
don Tonino Bello